Semplicemente è.

Sotto la doccia, seduta a terra, mi godo la sensazione rassicurante dell’acqua che mi scivola addosso ripulendomi da questa folle folle giornata. Con le braccia avvolte alle gambe, la testa appoggiata sulle ginocchia e gli occhi chiusi mi perdo un po in onde di pensieri ora allegri ora malinconici. Sono abituata a stare sola: me lo ha insegnato il mio dolore. Il dolore, quello vero, quello che la ragione umana non riesce a spiegare. Quello che non trova la sua spiegazione nella naturale evoluzione del ciclo della vita, quello che ti colpisce in modo subdolo e inaspettato, lasciandoti alla deriva agonizzante ma, purtroppo, ancora viva. E’ quel dolore li, totale e inconsolabile, che ti costringe a stare sola. Forse perché non riesci a riprenderti e forse anche un po per scelta, perché stare soli significa smettere di parlare, non dover spiegare a qualcuno com’è. O quanto male fa.  Che poi, se ci penso, mi dico che è una cosa ridicola. Sarebbe come se si andasse a chiedere a uno che ha appena subito l’amputazione di una gamba com’è! Non si fa. Anche se non sai com’è, non lo si fa. Eppure tu non lo sai mica come dev’essere vivere senza una gamba no? E nemmeno sai cosa significhi essere ciechi e dover vivere una vita intera al buio. No, non lo sai com’è: a meno che tu non sia cieco o senza una gamba. Eppure nessuno, tranne forse i bambini con la loro inconsapevole innocenza, si azzarda a chiedere a un cieco cosa prova, com’è diventato cieco e perché non fa niente per tornare a vedere. Non lo si fa, perché sarebbe maleducato. Ma in fondo non lo si fa perché si sanno già le risposte: una vita al buio è una vita senza luce, magari bella uguale ma comunque senza luce, e un conto è scegliere di vivere al buio, un altro è subire un’esistenza nelle tenebre. Quando non scegli tu puoi pure rassegnarti al tuo destino ma, cazzo, se ti rode dentro! E non gli vai a chiedere a un cieco perché non fa qualcosa per tornare a vedere. Non ci vai perché magari non può. O magari si. Ma metti che non può hai pure fatto una figuraccia e da li come ne esci? Se sei stato insensibile (perché dai quanto devi essere scemo a chiedere a un cieco come mai non torna a vedere????) non è che puoi venirne fuori bene da quella situazione, bene che vada hai rimediato una colossale figura di merda e ti tocca ritirarti a occhi bassi dandoti mentalmente del coglione.  Allora io mi chiedo e mi domando: ma se usi queste delicatezze davanti a una situazione simile per quale assurdo, incomprensibile, inspiegabile cazzutissimo motivo la maggior parte delle persone non si fanno problemi a chiederti perché tu, spezzata dal Dolore, non ti riprendi. E attenzione perché se ne guardano bene dal cercare di capire come mai fa così male: non lo sanno perché ma immaginano che non possa esserci dolore più grande. Come lo sanno? Bho. Forse è semplicemente insito dentro ognuno di noi. Capiamo in modo naturale che una cosa così è sbagliata, anche se succede fin dalla notte dei tempi. Non so, non ho risposte. Solo un mucchio di domande destinate a restare senza soluzione. Alla fine ero così stanca di tutte le giustificazioni ridicole e dei tentativi di consolazione banali che gli altri continuavano a propinarmi che ho iniziato a stare sola. Anche in mezzo a un mucchio di gente ho imparato a chiudermi dentro la mia testa e stare sola. Sola e zitta. Soprattutto zitta. E un po alla volta le persone hanno finalmente smesso di chiedere, fino ad arrivare a non domandare più del tutto. Oggi si limitano a guardarmi, la maggior parte delle volte, con quello sguardo misto di pietà e comprensione che mi fa venire voglia di prenderli a calci nel di dietro. Però ho scoperto che mi piace stare sola.

Anche adesso sono sola. Ascolto i miei pensieri muoversi nella testa mentre l’acqua mi accarezza la pelle.

Per la prima volta, dopo tanto tempo sono pensieri di gioia. Felici.

Sorrido.

La porta si apre. E’ tornato

Annunci

Frammenti di anime

Resto ferma, rigida, nel suo abbraccio. Dovrei farmi un sacco di domande ma la verità è che le sue mani che mi accarezzano la schiena mi rilassano. Mi sistemo meglio nel suo abbraccio. Fai quello che ti pare, penso, intanto io mi godo queste coccole inaspettate. “Sai” la sua voce è calda e dolce “ era tanto che non mi divertivo così”                                    Sorrido contro la sua camicia “Ah si, ti diverto?”                                                                                “Si”                                                                                                                                           “Mmmm…” sono così stanca che rischio di addormentarmi coperta dalla sua pelle “e cosa ti diverte così tanto? Raccontami”                                                                                                  “Tu”                                                                                                                                                            “Io?”                                                                                                                                                          “Si tu”                                                                                                                                                    “Nel senso che mi trovi buffa?”                                                                                                                “Nel senso che non ti trovo noiosa”                                                                                                 Sbadiglio, sto troppo bene per prendermela “Dovrebbe essere un complimento? No, perché non ti è uscito proprio bene sai?” sorrido e sbadiglio mentre lo dico. Una cosa imbarazzante.                                                                                                                                    “Cos’è sei permalosa?”                                                                                                                             “Permalosa? Io?” scoppiamo entrambi a ridere. Io sono la regina delle permalose, lo sanno tutti. Certo le persone credono che questo sia frutto di un estrema sicurezza in me stessa e, come spesso succede, sono distanti mille mila migliaia di milioni di anni luce dalla realtà “Sua Permalosità sta ridendo di Lei?” mi canzona lui allegro.                                                “Sarà che vedere il padrone supremo degli Stronzi che si dedica all’ingrato compito delle coccole alla mia persona, mi rende più incline alla tolleranza”                                                “Uh che eloquio forbito mia Regina” Con la testa appoggiata al suo torace posso ascoltare il suono delle sue risate come se fosse dentro di me. Mi stupisco di come riusciamo ad essere rilassati e a nostro agio dopo tutto quello che abbiamo combinato. Tra le sue braccia mi sento al posto giusto. Mi chiedo perché la mia anima si sia spinta verso quest’uomo. Cosa gli avrà riconosciuto di così speciale? Come mai uno sconosciuto riesce a farmi stare meglio anche della mia famiglia? Sono tutte domande a cui non ho risposta; passano come lampi nel mio cervello per poi sparire con la stessa velocità con cui sono arrivati. Si perché in fondo la verità è che non me ne frega nulla di cosa lui sia o del  perché abbiamo questa simbiosi naturale. L’unica cosa che conta è che dopo tutte queste tenebre nel mio cuore sembra essersi riaccesa una scintilla di luce. Non so se durerà, se diventerà un incendio o se si spegnerà domani. So solo che in questo momento c’è. E scalda il gelo che ho dentro. Lui è un soffio di primavera. E io mi sento felice come non mi sentivo da un eternità.                   “A cosa pensi?” sto per dirglielo quando il letto su cui siamo seduti è scosso da una vibrazione. E poi un’altra. E un’altra. Il suo telefono al centro del letto si illumina a intermittenza con le vibrazioni. Si allunga a prenderlo sciogliendomi dall’abbraccio. Guarda il display con aria crucciata: “Scusami piccola. È lavoro. Devo rispondere.”                              “Ok” vorrei fargli notare che oramai saranno le tre del mattino e che è assurdo che qualcuno chiami a quell’ora per lavoro, a meno che tu non sia un chirurgo ovviamente.  Decido che è meglio stare zitta. Se ha deciso di rispondere avrà i suoi motivi e io non sono proprio nessuno per dirgli cosa fare e cosa no.                                                                                Mi sfiora le labbra con un bacio “Lavorare nei locali significa lavorare di notte piccola!”    Ma come fa? Come riesce a sapere cosa mi passa per la testa?                                                     Scoppia a ridere mentre lo guardo a bocca aperta “Torno subito, tu rilassati”                     Raggiunge la porta e la apre ” Ah e comunque” mi riprende mettendo anche un delizioso quanto fìntissimo broncio ” io non sono Stronzo”                                                                       Scuoto la testa ridendo  e lui esce “Pronto, ciao” è tutto quello che sento prima che la porta si richiuda dietro di lui.                                    images                                                                                           È andato nel corridoio dell’albergo per rispondere al telefono?! Non è normale!                   Beh del resto nulla in questa serata mi sembra normale, e in fondo è un problema suo dove preferisce rispondere alle sue telefonate. Io di solito vado in bagno. Non so, mi piace l’effetto sonoro che ha il microscopico bagno di casa mia. Adoro stare li a parlare ascoltando la mia voce rimbombare tra le piastrelle e farsi più spessa e profonda; a volte mi metto addirittura a ridere nel mezzo delle telefonate, quelle noiose, solo per vedere se li dentro riesco a dare alla mia risata quell’effetto “strega cattiva di Biancaneve” che non sono mai riuscita ad ottenere. Decido di seguire il suo consiglio e rilassarmi. Mi avvolgo meglio nella coperta e punto dritta verso la principesca doccia.

Sensazioni nuove

proserpina.jpg

Incredibilmente riusciamo a percorrere le scale ed arrivare in camera senza incontrare nessuno. Quando la porta della stanza si chiude alle mie spalle, però, la paura comincia a strisciarmi sotto la pelle.

Sulle pareti pennellate grigio chiaro si alternano ad altre di una tonalità più scura; il pavimento di parquet bianco e un caminetto acceso al centro della sala riscaldano l’ambiente regalandogli un’atmosfera intima e romantica. La parete laterale dietro al caminetto è interamente occupata da una doccia, divisa dalla stanza solo da una lisca vetrata; gli asciugamani, delle stesse tonalità di grigio delle pareti, sono accuratamente arrotolati in un cesto di immacolato vimini, posato con studiata noncuranza vicino ad una chaise longue che potrebbe comodamente ospitare tre persone. Quella stanza è un enorme caverna delle meraviglie dove lusso ed eleganza si fondono in un connubio perfetto. La parete di fronte a me si apre in un immensa vetrata:le tende bianche sono tirate e mi danno la possibilità di ammirare lo splendido spettacolo della luna che riempie il cielo nero, le acque scure del lago riflettono la sua luce duplicandone l’effetto. È una scena magica, che toglie il fiato. Muovo un passo per godere meglio di quello spettacolo; la mia immagine che si sposta, riflessa nel vetro, mi riporta nella realtà: sono nuda, completamente nuda! Ma lui dov’è?
L’atmosfera di quella stanza mi ha così  ammaliata che mi rendo conto solo ora del fatto che, da quando siamo entrati, non ha fatto nulla per toccarmi, per avermi. Mi avvolgo le braccia attorno al corpo tentando di coprirmi, e mi volto a cercarlo. Forse, penso, è un esibizionista. Forse si eccita solo quando c’è la possibilità di essere scoperti e, nell’intimità di una stanza, non ha più nessun’interesse a toccarmi. O forse adesso che può vedermi davvero, nuda, illuminata dalla luce, non gli piaccio più. Forse si è accorto di tutti i difetti del mio corpo. Stringo ancora di più le braccia attorno a me cercando di nascondermi e proteggermi. Penso al mio vestito in fondo alle scale, a quanto vorrei averlo addosso ora.

Seduto sul letto mi fissa mentre si allenta la cravatta “Sei così bella sotto la luna, starei ore a guardarti.” I miei dubbi si dissolvono all’istante. Batte il palmo aperto sul letto di fianco a lui, invitandomi a raggiungerlo. Mi avvicino piano, non ancora del tutto sicura. Solo non so se quello che mi spaventa davvero sia lui o io. La mia incapacità di reagire ai suoi assalti o la sua abilità nell’abbattere la mia volontà, seducendola e riplasmandola a suo piacimento? Anche ora, cammino verso di lui senza sapere perché. Come una falena attirata dalla fiamma, vado consapevolmente incontro alla mia fine, conscia del mio destino ma incapace di fare altrimenti.

Mi siedo sul letto sprofondando nelle candide coperte. Di fianco a lui mi sento fragile eppure al sicuro. Smetto di coprirmi lasciando cadere le mani in grembo. Apprezza, accarezzandomi tutto il corpo con lo sguardo, mentre finisce di slacciarsi la cravatta nera. Inclino la testa, i  miei capelli scivolano scoprendo la curva del collo. Si lecca le labbra in un modo così carnale che devo stringere le cosce per controllarmi. Vorrei allungare una mano e sentire la stoffa morbida della sua camicia sotto le dita, vorrei slacciare piano ogni bottone e scoprire la sua pelle un centimetro alla volta per poi assaggiarlo. Invece resto li ferma e docile in attesa che il padrone del mio universo mi dica cosa fare. Non mi delude: “Spogliami” un sorriso mi si dipinge in volto mentre mi allungo verso di lui “se mi sorridi cosi non ti resisto però” mi afferra i polsi, di nuovo!, un attimo prima che riesca a toccare la sua camicia. Restiamo così occhi negli occhi a distanza di un battito di cuore. La mia pelle pallida completamente scoperta in contrasto con la sua che sembra ancora più scura sotto la camicia bianca. Occhi verdi che si perdono in pozze marroni piene di promesse lussuriose. Respiri che accelerano. Ora le nostre labbra si sfiorano. Mi percorre delicato, leccandomi la bocca. Non riesco a trattenere un gemito roco. Il desiderio di essere baciata si espande in tutto il mio corpo. Smetto di lottare rilassando i polsi dentro la sua presa stretta. Mi attira verso di se facendomi aderire al suo petto. Le sua lingua e le sue labbra continuano la lenta tortura alla mia bocca: mi percorrono da un angolo all’altro con tocchi delicati e strazianti. Alimentano la mia voglia di essere baciata portandola oltre il limite della sopportazione. Voglie lussuriose esplodono nel mio corpo facendomi tremare, stretta tra le sue braccia. Sento lo spazio tra le mie cosce bagnarsi in reazione a questa tortura erotica. Stringo ancora di più le gambe nell’inutile tentativo di controllare il bisogno disperato che sento crescere. Non riesco a trattenere l’ennesimo gemito roco mentre le nostre labbra si sfiorano. Ne approfitta per spingere prepotentemente la lingua dentro la mia bocca mentre, contemporaneamente, le sue dita forzano le mie gambe e affondano tra l’umidità sempre più intensa del mio centro. M’inarco contro di lui stringendomi forte alla sua camicia. Il mio corpo travolto da sensazioni che mi sconvolgono. “Dio, sei sempre così pronta” mormora sulle mie labbra. Non posso rispondere. La sua lingua esplora la mia bocca con un ritmo deciso e prepotente. Le sue dita seguono lo stesso ritmo facendomi bagnare ancora di più. Il mio corpo esplode sotto il suo assalto combinato. Vorrei urlare mentre sento il mio corpo cedere ad un orgasmo inarrestabile ma la sua bocca mi tiene prigioniera. Continua ad affondarmi dentro con lingua e dita, sempre più vorace, senza darmi tregua, esplorando con forza e delicatezza posti che nessuno ha mai toccato. Quello che mi era sembrato un orgasmo divino si trasforma in qualcosa di più: un’ondata di piacere devastante e incredibile che si infrange sulle sue dita. Non smette. Continua a torturarmi anche quando l’onda si ritira, aumenta il ritmo facendole ritrovare forza e mi porta di nuovo oltre finché non mi infrango di nuovo sulle sue dita. Ogni volta mi ritrovo a stringere più stretta la sua camicia, urlo nella sua bocca travolta  da un nuovo orgasmo. Mi sta distruggendo, un colpo dopo l’altro. Infine è come se tutte le onde si fondessero per dare origine  ad un potente tsunami che si infrange contro le mie gambe e le sue dita. Esplodo in un urlo liberatorio perdendo letteralmente il controllo. Urlo mentre con un braccio mi tiene stretta addosso a lui. Urlo mentre le sue dita raccolgono tutto il mio piacere rallentando gradualmente il ritmo. Urlo mentre il mio corpo è scosso da lunghi tremiti incontrollati. Urlo mentre lo sento sussurrarmi che sono bellissima.

Quando finalmente l’ondata passa mi lascia dietro di se come un ramo spezzato. Sono rannicchiata contro di lui, incapace di muovermi o parlare. Non riconosco il mio corpo, ancora sconvolto da queste sensazioni intense e sconosciute. Fatico a mettere a fuoco i pensieri e resto li avvolta su me stessa, racchiusa nel bozzolo sicuro delle sue braccia, le sue mani ancora bagnate di me che mi accarezzano dolci la schiena, il respiro spezzato e il cuore lanciato in una folle corsa. Chiudo gli occhi aspettando che tutto si calmi. Sento una sua mano percorrermi la gamba, piegata sotto di me, e sfilarmi una delle scarpe. Poi l’altra. Basta il suo tocco a farmi tremare ancora. “Shhhhh” mi bacia i capelli “ Calmati piccola, adesso calmati”.

Avvolge il mio corpo, ora completamente nudo, in una morbida coperta. Mi rilasso appoggiando la testa sulla sua spalla. Sento il mio corpo tornare lentamente alla normalità mentre continua a stringermi. Chiudo gli occhi godendomi quel momento di coccole dolcissime. Mi stringe più  forte e un altro bacio mi sfiora i capelli; percepisco le sue labbra che si piegano in un sorriso “shhh” ripete “calmati….ho appena iniziato con te.” Il mio corpo si irrigidisce, la sua stretta aumenta. La sua risata rimbomba nelle mie orecchie. E adesso?