Frammenti di anime

Resto ferma, rigida, nel suo abbraccio. Dovrei farmi un sacco di domande ma la verità è che le sue mani che mi accarezzano la schiena mi rilassano. Mi sistemo meglio nel suo abbraccio. Fai quello che ti pare, penso, intanto io mi godo queste coccole inaspettate. “Sai” la sua voce è calda e dolce “ era tanto che non mi divertivo così”                                    Sorrido contro la sua camicia “Ah si, ti diverto?”                                                                                “Si”                                                                                                                                           “Mmmm…” sono così stanca che rischio di addormentarmi coperta dalla sua pelle “e cosa ti diverte così tanto? Raccontami”                                                                                                  “Tu”                                                                                                                                                            “Io?”                                                                                                                                                          “Si tu”                                                                                                                                                    “Nel senso che mi trovi buffa?”                                                                                                                “Nel senso che non ti trovo noiosa”                                                                                                 Sbadiglio, sto troppo bene per prendermela “Dovrebbe essere un complimento? No, perché non ti è uscito proprio bene sai?” sorrido e sbadiglio mentre lo dico. Una cosa imbarazzante.                                                                                                                                    “Cos’è sei permalosa?”                                                                                                                             “Permalosa? Io?” scoppiamo entrambi a ridere. Io sono la regina delle permalose, lo sanno tutti. Certo le persone credono che questo sia frutto di un estrema sicurezza in me stessa e, come spesso succede, sono distanti mille mila migliaia di milioni di anni luce dalla realtà “Sua Permalosità sta ridendo di Lei?” mi canzona lui allegro.                                                “Sarà che vedere il padrone supremo degli Stronzi che si dedica all’ingrato compito delle coccole alla mia persona, mi rende più incline alla tolleranza”                                                “Uh che eloquio forbito mia Regina” Con la testa appoggiata al suo torace posso ascoltare il suono delle sue risate come se fosse dentro di me. Mi stupisco di come riusciamo ad essere rilassati e a nostro agio dopo tutto quello che abbiamo combinato. Tra le sue braccia mi sento al posto giusto. Mi chiedo perché la mia anima si sia spinta verso quest’uomo. Cosa gli avrà riconosciuto di così speciale? Come mai uno sconosciuto riesce a farmi stare meglio anche della mia famiglia? Sono tutte domande a cui non ho risposta; passano come lampi nel mio cervello per poi sparire con la stessa velocità con cui sono arrivati. Si perché in fondo la verità è che non me ne frega nulla di cosa lui sia o del  perché abbiamo questa simbiosi naturale. L’unica cosa che conta è che dopo tutte queste tenebre nel mio cuore sembra essersi riaccesa una scintilla di luce. Non so se durerà, se diventerà un incendio o se si spegnerà domani. So solo che in questo momento c’è. E scalda il gelo che ho dentro. Lui è un soffio di primavera. E io mi sento felice come non mi sentivo da un eternità.                   “A cosa pensi?” sto per dirglielo quando il letto su cui siamo seduti è scosso da una vibrazione. E poi un’altra. E un’altra. Il suo telefono al centro del letto si illumina a intermittenza con le vibrazioni. Si allunga a prenderlo sciogliendomi dall’abbraccio. Guarda il display con aria crucciata: “Scusami piccola. È lavoro. Devo rispondere.”                              “Ok” vorrei fargli notare che oramai saranno le tre del mattino e che è assurdo che qualcuno chiami a quell’ora per lavoro, a meno che tu non sia un chirurgo ovviamente.  Decido che è meglio stare zitta. Se ha deciso di rispondere avrà i suoi motivi e io non sono proprio nessuno per dirgli cosa fare e cosa no.                                                                                Mi sfiora le labbra con un bacio “Lavorare nei locali significa lavorare di notte piccola!”    Ma come fa? Come riesce a sapere cosa mi passa per la testa?                                                     Scoppia a ridere mentre lo guardo a bocca aperta “Torno subito, tu rilassati”                     Raggiunge la porta e la apre ” Ah e comunque” mi riprende mettendo anche un delizioso quanto fìntissimo broncio ” io non sono Stronzo”                                                                       Scuoto la testa ridendo  e lui esce “Pronto, ciao” è tutto quello che sento prima che la porta si richiuda dietro di lui.                                    images                                                                                           È andato nel corridoio dell’albergo per rispondere al telefono?! Non è normale!                   Beh del resto nulla in questa serata mi sembra normale, e in fondo è un problema suo dove preferisce rispondere alle sue telefonate. Io di solito vado in bagno. Non so, mi piace l’effetto sonoro che ha il microscopico bagno di casa mia. Adoro stare li a parlare ascoltando la mia voce rimbombare tra le piastrelle e farsi più spessa e profonda; a volte mi metto addirittura a ridere nel mezzo delle telefonate, quelle noiose, solo per vedere se li dentro riesco a dare alla mia risata quell’effetto “strega cattiva di Biancaneve” che non sono mai riuscita ad ottenere. Decido di seguire il suo consiglio e rilassarmi. Mi avvolgo meglio nella coperta e punto dritta verso la principesca doccia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...